lunedì 19 settembre 2016

E' TEMPO DI USCIRE DALLA GABBIA UE IN CUI GLI USA C'HANNO RINCHIUSO

I sovranisti mi pare soffrano di facili entusiasmi, vedono un avanzare del proprio fronte che in verità non ha riscontri obiettivi significativi...

lunedì 29 agosto 2016

SOCIETA' DI MERCATO O PIANIFICAZIONE ECONOMICA?

Un amico di fb mi ha chiesto perchè io proponga di passare da un'economia di mercato ad un'economia pianificata, visto che questa già fallì.
Innanzitutto, bisognerebbe stare attenti quando si parla di fallimenti. Chi afferma di qualcosa che è stato fallimentare, ha un suo punto di vista, ogni giudizio è enunciato da uno specifico luogo e tempo con la mentalità di quel luogo e di quel tempo, non viene mai da un luogo etereo e fuori dal tempo.
Se ad esempio l'ideologia liberale mi convince che la migliore economia è quella col PIL più alto possibile, questo inevitabilmente costituirà il metro di giudizio che userò, ma è ben lungi dall'essere un punto di vista obiettivo.
Il capitalismo ha vinto non sul piano economico, ma sul piano ideologico, si vince sempre sul piano ideologico, cioè dentro il nostro cervello...

sabato 27 agosto 2016

IL LIBERO MERCATO: ANALISI E CRITICA

Un articolo che ho trovato in rete ed attribuito a David Morris, e che giudico un contributo direi geniale all'analisi dell'economia contemporanea. E' piuttosto lungo, ma vi consiglio caldamente di leggerlo perchè ne vale davvero la pena...

domenica 21 agosto 2016

LA SPETTACOLARIZZAZIONE DELLE OLIMPIADI COME STRUMENTO CONFORMISTICO

Alle Olimpiadi, vediamo un moltiplicarsi delle specialità, tipi di gare che io che non sono uno spettatore di eventi sportivi particolarmente assiduo, non avevo mai visto prima...

giovedì 4 agosto 2016

REFERENDUM COSTITUZIONALE: GLI ERRORI DEL FRONTE DEL NO E IL MODO DI CORREGGERLI

Vedo che nel fronte del no, la situazione di sostanziale parità di consensi rispetto al sì come suggerirebbero i varii sondaggi che non ci lesinano, viene considerata positivamente, come se si trattasse di una buona notizia.

Scordatevelo, si tratta in realtà di una notizia pessima.   

E' pessima innanzitutto perchè, in presenza di indecisi in numero enorme, significa che non possiamo scommettere neanche un centesimo sul fatto che il no vincerà.
Lo è ancora di più perchè è una cosa che va capita.
La questione è: "Come è possibile che una riforma obiettivamente così obbrobriosa, che dovrebbe suscitare in tutte le persone disinteressate e dotate di capacità raziocinante un moto di disgusto e quindi di rifiuto, viene nella maggior parte dei casi considerata con benevola neutralità?"...

martedì 26 luglio 2016

LA REVISIONE DELLA COSTITUZIONE COME ATTO ANTIDEMOCRATICO

Una volta, una classe politica un pochino meno oscurantista della presente, aveva introdotto tra le materie di studio alla scuola media la "Educazione Civica", ed uno degli argomenti fondamentali di tale materia era proprio costituito dal testo costituzionale. 

I padri costituenti avevano avuto l'accortezza di scrivere un testo che poteva essere letto da tutti i cittadini, anche se forniti di un livello culturale modesto, perchè la costituzione è e deve essere di tutti i cittadini. Faceva parte di un progetto per cui la democrazia avrebbe avuto piena attuazione quando tutti i cittadini fossero stati in grado di esprimere opinioni politiche adeguatamente motivate. 

Oggi, il piano globalista è opposto, bisogna sottrarre il potere ad un popolo considerato di default ignorante ed incapace di prendere decisioni se non con la pancia (e detto dalle elite, che in quanto a pancia sono imbattibili fa ridere). Quindi, si persegue un sistema democratico per esperti, una faccenda riservata ai soliti ricchi e potenti che possono disporre a volontà di consulenti ed avvocati varii. Quindi, una norma illegibile ed incomprensibile, lungi dal costituire un handicap, ne costituisce dal loro punto di vista il pregio fondamentale.  

A questo link, la lettura dell'articolo 70 nella versione originale a raffronto con la versione rivista. 

Come si vede, la nuova versione della costituzione invece di occuparsi dei principii, si occupa dei regolamenti, costituisce una regolamentazione precisa, dettagliata fino alle virgole ed è così logorroica perchè non v'è un preciso principio su cui si basa. E' lo spirito raffazzonato del provvedimento che lo rende così osceno nella sua formulazione.

lunedì 25 luglio 2016

DUE TESI OPPOSTE SULL'ISLAM DA ABBANDONARE AL PIU' PRESTO

Malgrado lo ritenga del tutto ovvio e quindi in linea di principio ritenga superfluo specificarlo, io credo che dovremmo fare pulizia completa di due tesi opposte sull'islam, e la necessità della specificazione risiede nell'evidente clima da stadio che su queste questioni si è formato (io personalmente sono stato accusato di avere detto corbellerie, anche se a tuttoggi non mi è stato ancora detto quali sarebbero queste corbellerie)...

lunedì 11 luglio 2016

IL CROLLO DEL SISTEMA RENZI

Fase molto convulsa nella politica italiana.
Per descrivere sinteticamente ciò che sta succedendo, direi semplicemente che è crollato di colpo e senza possibilità di equivoci tutto il castello di carte che Renzi aveva creato per chiudere con successo questa decisiva fase della politica di quest'anno...

mercoledì 29 giugno 2016

MENZOGNE SULL'ATTENTATO ALL'AEROPORTO DI ISTANBUL

In attesa di nuove informazioni sul sanguinoso attentato all'aeroporto di Istanbul, vorrei notare come la grande stampa si sia scatenata in un'operazione che è così inverosimile, da apparire di depistaggio.
 
In sostanza, vengono accomunati i passi di Ankara verso Israele e verso la Russia, pretendendo che questi siano diretti nella stessa direzione.
 
A me pare un'operazione più che arbitraria, proprio incomprensibile...

lunedì 27 giugno 2016

BREXIT ED ELEZIONI SPAGNOLE, QUALE INSEGNAMENTO TRARNE

Come volevasi dimostrare, la speranza di tanti europei che il recente successo del BREXIT potesse trasformarsi automaticamente in un processo di disgregazione dell'edificio dell'unione europea, si è rivelato una pia illusione. 
In Spagna, si riconferma una composizione del parlamento altrettanto problematica per costruire una maggioranza rispetto ai risultati precedenti, con in più tuttavia il successo politico dei conservatori ed una batosta alquanto forte per i due suoi principali avversari...

venerdì 24 giugno 2016

SEGUIAMO L'ESEMPIO DEL REGNO UNITO

Ed ora avanti con lo 


I T E X I T

(e per favore, non chiedetemi cosa significa) 

lunedì 20 giugno 2016

I RISULTATI DEI BALLOTTAGGI DI IERI

Sui risultati dei ballottaggi di ieri, sarò lapidario.
Sorprenderò probabilmente qualcuno, ma non sono contento dei risultati, a causa del caso Milano. 
 
Il risultato di Milano è ciò che fa la differenza. 
 
Poteva essere una sconfitta del PD renziano, ed invece è stata una vittoria dei 5S. E Bologna conferma che il centrodestra perde dappertutto, e il M5S vince dappertutto, e si può dire che la sorte del PD dipende da chi si trova di fronte.
Ancora, la conferma arriva da Napoli, dove De Magistris vince facilmente, ma se si calcola l'aumento vertiginoso delle astensioni rispetto al primo turno, raccoglie gli stessi voti di allora, confermando ancora che chi fa la differenza è sempre e soltanto il M5S.
 
Ad alcuni apparirà come una differenza incomprensibile, ad altri piacerà (i sostenitori del M5S). A me invece sembra un elemento decisivo, non è il PD che si scioglie al sole, ma si è creata un'opinione vasta ed abbastanza stabile orientata verso i 5S.
 
A me, non l'ho mai nascosto, seppure fa comodo questo successo perchè è uno strumento utile per sgretolare il potere piddino legato al potere globale, il M5S non piace, e più parlano questi grillini e più mi rafforzo nel giudizio critico verso costoro.
 
Ieri è stato il turno della trionfatrice a Roma, che ha detto le due cose a mio parere più stupide che avesse a disposizione.
 
L'una è che ciò che è successo a Roma e Torino è che abbiamo due sindaci donne, e l'altra il ringraziamento ai due garanti del M5S, Grillo e Casaleggio.
La prima affermazione è identica a quella che avrebbe fatto una qualsiasi piddina doc, e vedi l'elemento di novità, e nel merito è difficile capire per una persona di media intelligenza che importanza possa avere il sesso di appartenenza.
L'altra affermazione è un riconoscimento di questa autorità a cui evidentemente ella si sente soittoposta, e che sarebbe potuta essere accettata da una candidata, ma non può assolutamente essere accettata da un sindaco, cioè da una figura istituzionale che ormai deve sentirsi sottoposta innanzitutto alla legge.

lunedì 6 giugno 2016

IL CAPOLAVORO TATTICO DI SALVINI

Breve commento su dei risultati che in effetti non richiedono così tante parole.
Si potrebbe dire che quasi tutto è andato secondo le previsioni, ed io commenterò questi risultati solo raffrrontandoli alle previsioni (e non a precedenrti elezioni, a quanto dichiarato dai partiti ed altro di simile)...

martedì 31 maggio 2016

CONTRO LA SOCIETA' DI MERCATO

Uso spesso nei miei post l'aggettivo "anticapitalistico" che letteralmente significa contro il capitalismo.
Tuttavia, in questo post vorrei essere più chiaro, perchè non vi è concordanza a livello teorico sul significato di capitalismo...

sabato 28 maggio 2016

LE VIE STORICHE CHE HANNO PORTATO ALLA FINE DELLA SINISTRA

Esiste una sinistra che si considera orgogliosamente tale, spesso di ispirazione genericamente marxista, e come tale si considera rivoluzionaria, proprio perchè fieramente anticapitalista. Nello stesso tempo, essa è altresì convinta che il capitalismo è troppo forte e che non valga la pena combatterlo perchè sarebbe un atteggiamento velleitario e quindi dannoso...

giovedì 19 maggio 2016

LE BOMBE LANCIATE DA GRILLO IERI

Ieri, Grillo ha fatto un'importante dichiarazione, nella quale distinguerei due differenti punti...

giovedì 12 maggio 2016

IRREFRENABILE VOGLIA DI SCHIERAMENTO SUL WEB

Vedo che si sta aprendo una nuova fase elettorale anche sul web...

martedì 10 maggio 2016

IL CARATTERE FITTIZIO DEI RECENTI SUCCESSI USA

E' da tempo che scrivo di un progressivo processo di declino degli USA e del loro impero. 
Si tratta di un processo che è apparso evidente soprattutto nel 2014 e nel 2015. 
Si va dall'evidente perdita di influenza in Sud America, al confronto fallito con Russia e Cina, che hanno confermato la loro capacità di giocare un ruolo di poli alternativi a quello statunitense, alla necessità degli USA di inseguire le scelte degli alleati in vicino oriente, come Arabia Saudita, israele e Turchia, pagando un altissimo prezzo alla decisione di sottoscrivere l'accordo sul nucleare con l'Iran con una evidente e grave divisione del suo estblishment in due opposte fazioni.

Oggi, le cose sembrano in qualche misura cambiate, almeno sugli scenari del vicino oriente ed in sud america. 

lunedì 9 maggio 2016

PROBLEMI DEI PENTASTELLATI

Il problema dei pentastellati è ormai chiaro, e non possono più tardare a dare una risposta convincente ed a suo modo definitiva su questa questione. 

Non è possibile per una forza politica stabilire una volta per tutte le reazioni ad un dato evento, e nello specifico dell'attualità, a iniziative di magistrati...

sabato 7 maggio 2016

ELITE FINANZIARIE GLOBALI E MIGRAZIONI

Non riesco proprio a capire come, ma vedo che in certi ambienti si è diffusa la convinzione che il potere liberista che ci governa sarebbe contro l'ingresso dei migranti in europa, quindi chi predica l'accoglienza a tutti i costi sarebbe secondo costoro contro il neoliberismo.

Ciò appare davvero paradossale. 

In verità, le migrazioni neanche ci sarebbero se non fossero espressamente promosse dal potere liberista...

lunedì 2 maggio 2016

LA RILEVANZA POLITICA DELLA DICOTOMIA MEDIATO/IMMEDIATO

La lotta per il potere è senza sosta e non ammette zone franche, incessante e coinvolgente ogni ambito sociale.
Ciò è dovuto alla natura stessa del potere, ma trova motivi per raffozzarsi, per divenire più soffocante nel caso in cui l'ordinamento politico sia di tipo democratico. 
Se come si desume già a livello etimologico la democrazia prevede un potere diffuso, appunto il potere del popolo, se quindi non è più una questione limitata a una lotta tra elite opposte, allora è inevitabile che chi aspira al potere o che già lo detiene, debba per raggiungere i suoi obiettivi coinvolgere l'intero corpo sociale...

mercoledì 27 aprile 2016

COME RENZI SFUGGIRA' ALLA SCONFITTA AL REFERENUM COSTITUZIONALE SALVANDO LA FACCIA

Ma davvero voi credete che Renzi si dimetterebbe il giorno dopo aver perso il referendum costituzionale?
Io lo escludo tassativamente.
Che oggi lo dica, ha un triplice scopo...

lunedì 25 aprile 2016

QUEST'ANNO LA LIBERAZIONE CELEBRIAMOLA DUE VOLTE

Oggi è l'anniversario della liberazione di Milano, data assunta a simboleggiare l'intera esperienza storica della lotta partigiana al nazifascismo.
 
 Ma quest'anno non dimentichiamo che avremo un'altra scadenza che prende spunto anch'essa dalla liberazione partigiana, ma che assume un significato di attualità politica enorme. 

Si tratta dell'appuntamento referendario autunnale in cui dovremo difendere rispetto ad interessi stranieri, agli interessi del grande capitale globalizzato, il frutto centrale della resistenza, la nostra beneamata costituzione che sancisce e garantisce i risultati del sovvertimento della dittatura e della conquista della democrazia. 

Tanti politici hanno deciso di tradire la loro patria e di consegnarci mani e piedi legati ai grandi capitalisti.
Non glielo dobbiamo permettere, finchè ancora la fune non c'ha ancora bloccato i movimenti, e possiamo prendere a possenti calci nel sedere questi veri corrotti della politica italiana (molto peggio perfino di coloro che rubano per arricchirsi).

sabato 23 aprile 2016

MEZZO KENYOTA E HO DETTO TUTTO

Quest'affermazione del sindaco di Londra su Obama, la cui colpa maggiore consisterebbe nell'essere mezzo kenyota, mi lascia sgomento.
Voglio dire, io potrei scrivere un intero capitolo di libro citando e spiegando perchè Obama è stato uno dei peggiori presidenti USA, almeno di quelli che ho potuto seguire durante la mia vita, e costui che aspira a divenire un leader politico britannico, se ne esce con un'espressione che magari non sarà proprio razzista, ma che è pienamente colonialista, del colono che guarda con sufficienza (al meglio) i nativi.
Qui, il politically correct non c'entra, qui mi sembra una questione di immaturità politica. Se costui non è ancora in grado di capire che il Regno Unito non ha più un impero coloniale, che di questo passato dovrebbe avere il coraggio di vergognarsi almeno un po', significa che il passato non è ancora davvero passato.

Ma davvero saremo condannati a dovere scegliere tra una classe politica prona al grande capitale globale e una classe politica che riesce a guardare al futuro solo come prolungamento di un passato inglorioso?

martedì 19 aprile 2016

LA BANDIERA A DODICI STELLE COME LOGO PRIVATO

Ecco, l'immagine che vedete a destra, non rappresenta come qualche ingenuo potrebbe pensare, una bandiera, ma rappresenta piuttosto un logo privato.
Quando un paese come l'Italia utilizza questo logo, certifica la propria privatizzazione, l'appartenere a un potere privato che ci detta le linee politiche fondamentali senza avere a sua volta ricevuto alcuna legittimazione democratica.
Quindi, ricordatelo bene, quando esponete la bandiera dell'Unione Europea (diffido chiunque a confondere Europa ed Unione Europea, si tratta di un atto di mistificazione palese), state manifestando il vostro asservimento ad una organizzazione di tipo privatistico, come potrebbe essere anche quella in basso (stessa identica logica):