domenica 2 agosto 2009

CONTRO PECORELLA

Grande Saviano, intelligente la sua scelta di alzare i toni contro il mistificatore di turno, il Pecorella che confonde gli atti processuali con le risultanze processuali. Rispondiamo a muso duro a tutti coloro che tentano di confondere, di infangare memorie, di mettere in qualche modo sullo stesso piano la grande criminalità organizzata e chi ha perso la vita per combatterla. Questa è la linea giusta, ed è bene che qualcuno che ha accesso ai mass media, usi questo suo potere per rintuzzare questi episodi ormai quotidiani di insinuazioni, di inquinamento dei fatti e, tramite il loro racconto, del linguaggio. Adesso, Pecorella risponda delle sue affermazioni, chieda scusa, si rimangi ciò che ha avuto la tracotanza di dire. Non bisogna mollare, qui non c’è in gioco solo la memoria di Don Diana, ma la possibilità stessa della definizione collettiva di chi mette in pericolo la convivenza civile e chi la difende, a costo della propria vita.

9 commenti:

  1. per fortuna che qualcun altro ha notato questa enorme infamia!!!
    l'ho scritto nel mio blog: avevo letto delle affermazioni del sig pecorella in tempi non sospetti (il 29) e dopo essere rimasto di sasso, mi sembrava strano che nessuno avesse da ridire...!!
    meno male che saviano ha fatto da cassa di risonanza!
    ciao

    RispondiElimina
  2. @fabio
    Saviano è davvero una risorsa, una delle poche rimaste in questo paese. Bisogna avere coraggio e determinazione, e lui ne ha da vendere.

    RispondiElimina
  3. saviano si espone e noi dobbiamo sostenerlo...
    Pecorella è un altro esempio di quanto siamo caduti in basso...

    RispondiElimina
  4. @la signora in rosso
    Saviano continua con tenacia e coerenza la sua lotta contro il crimine organizzato e facendo così difende la possibilità stessa di distinguere, di differenziare bene e male. E' la battaglia di tutti noi, io credo, e ognuno dia il suo piccolo contributo.
    Di Pecorella, poi, ne abbiamo quanti ne vogliamo, replicanti di un'unica idea della politica come spartizione di poteri senza alcun principio.

    RispondiElimina
  5. Mi innervosiscono anche tutte le persone che accettano questo processo di "ricostruzione della storia" subendo come schiavi la volontà altrui.

    Bondi è stato fischiato ieri a Bo.
    Hai letto la mia mail?
    gio

    RispondiElimina
  6. Saviano ha tutta la mia ammirazione. Per fortuna che esiste! Dopo la scomparsa di Biagi e Montanelli mi sentivo persa.
    Dobbiamo sostenerlo, perchè la sua non sia una battaglia solitaria.

    Pecorella...cosa posso dire? Non c'è solo lui...abbiamo greggi di pecore!Passami la metafora. :D

    P.S. E chi ti dice che io non stia leggendo, tra le altre cose?:)
    La parte su "I padri della nostra cultura occidentale" è molto interessante. Ora sono in fase riflessiva per quanto riguarda il nostro essere esseri biologici..

    RispondiElimina
  7. @Guernica
    Vedi come si fa a farsi dire dove sei arrivata senza chiederlo? :-D
    Saviano non è solo uno scrittore geniale, è anche un uomo di carattere da sostenere: può svolgere un importante ruolo di riferimento, anche politico, magari dietro le quinte per non farlo fare fuori da questi mestieranti della politica.

    RispondiElimina
  8. Leggo sui giornali di stamane che Pecorella ha chiesto scusa: vedete, non tutto è inutile, conviene ancora lottare.

    RispondiElimina