mercoledì 7 ottobre 2009

LODO E GOLPISMO

Posto anch’io, buon ultimo sulla sentenza della Consulta che boccia il lodo Alfano, per manifestare la mia soddisfazione: davvero un’ottima notizia, che indica la resistenza di pezzi delle istituzioni al clima di illegalità a cui la classe politica, e in particolare la corte del signor B. tentano di trascinare questo paese.

Permettetemi però di soffermarmi sulla preoccupanti dichiarazioni degli sconfitti, che ormai non mascherano neanche la loro natura sostanzialmente golpista. In prima fila, stanno Bossi e i leghisti, che ormai non si ritraggono dal dire che il consenso elettorale prevale certo sulle sentenze dei vari organi istituzionali. Segue un gran parte del PDL, con lo stesso signor B. in testa. Egli ha affermato che la Consulta "non è un organo di garanzia, ma un organo politico". Però, la cosa più grave riguarda le affermazioni rilasciate a proposito del Quirinale, che apre scenari inquietanti. Ha prima detto "Napolitano? Il capo dello Stato sapete voi da che parte sta...". Alla replica del Quirinale, il signor B. ha insistito dicendo: “Non mi interessa quello che ha detto il capo dello Stato. Mi sento preso in giro e non mi interessa...".

Perché dunque il signor B. si sente preso in giro da parte di Napolitano? L’interpretazione che appare più ovvia è che tra loro ci fosse un patto, che il signor B. avverte come se l’altro contraente l’avesse violato. E visto che questa dichiarazione viene a ridosso della sentenza, sembrerebbe logico che l’esito della sentenza fosse parte di questo ipotetico accordo. Mi fermo qui, ma gli scenari che si aprono sono da brivido…

Commento che questi atteggiamenti e queste dichiarazioni da parte della maggioranza in odore ormai scopertamente golpista non vadano sottovalutate: occorre vigilanza.

20 commenti:

  1. Vince' io le cose le vedo così:
    - non sento tg1 e tg2 da illo tempore e quando stasera mi è stato riferito ciò che ha detto "quelo" sono rimasto di sale e allora
    - scommetto che dirà, come sempre, che è stato frainteso e rigirerà la frittata, oppure
    - confermerà anzi calcherà ancora di più la mano sulle porcate che ha detto e quindi si comincierà a sentire puzza di bruciato.
    Adesso la domandina ingenua: ma se lui e i suoi lecchini hanno sempre sostenuto che è bianco e candido come la neve per quale motivo non si fa processare e dimostrare nelle sedi appropriate la propria innocenza?

    RispondiElimina
  2. Quello che mi sconvolge è la totale mancanza di senso dello stato di questi esponenti politici a cominciare dal nostro capo di governo secondo cui le istituzioni funzionano solo quando sono a loro favore, viceversa, quando danno torto al governo sono organi della sinistra.
    L'argomento allucinante di questa gente è che siccome il governo è stato eletto dal popolo (che è peraltro falso perché il popolo non elegge alcun governo ma un parlamento!) allora può fare ciò che vuole. Ora una cosa del genere non è vera neanche nelle repubbliche presidenziali dove il popolo elegge realmente il capo del governo, quest'ultimo è pur sempre sottoposto a dei vincoli e per prima cosa non può violare la Costituzione.

    p.s. Nel paese più presidenzialista del mondo, gli Usa, il presidente può essere processato e questo è già accaduto in passato senza che venisse proposto alcun Lodo Alfano; e lo dico io che come tu sai non sono certo un filoamericano.

    RispondiElimina
  3. Caro Matteo, tu non sei certo filoamericano e figurati io filoisraeliana (potremmo definirci non filo-usraeliani): ma persino il "fiero" Olmert si era dimesso per i suoi scandali giudiziari!
    e caro Monticiano, il sig.B ha detto che non ritratterà le sue parole: la puzza si è cominciato a sentirla con l'entrata di Bossi senior e Bossi junior a Palazzo Grazioli...

    RispondiElimina
  4. Ancora una volta condivido le tue considerazioni ed anch'io sono rimasta particolarmente colpita da quel riferimento al "tradimento" di Napolitano. Che ci sarà sotto?. Dopo tutta la tensione che ho vissuto in attesa del verdetto ( non ti dico la rabbia quando ho letto che volevano che fosse ritenuto primus super pares!) ho provato finalmente un gran senso di liberazione e mi sono sentita rinfrancata. Ma è tale l'eccitazione che dopo poche ore di sonno mi sono alzata e sono venuta a leggere cosa avevi scritto ( ero sicura che avresti postato subito un commento!). Ora, però, ho effettivamente paura che ci possano essere delle reazioni sconsiderate. In che modo e da parte di chi deve essere fatta vigilanza? Forse ti sembrerà una domanda oziosa ma io non ho capito bene chi tutela la democrazia qui in Italia, a parte la Consulta, per fortuna!

    RispondiElimina
  5. fanno schifo........!!! mi auguro che tutto il popolo del PDL apra gli occhi per l'ENNESIMA volta .... ora, oltretutto, ci vogliono anche far credere che il lodo serviva per garantire al premier che potesse lavorare in pace e non essere disturbato da avvenimenti giudiziari per tutto il mandato....quindi lavorare in pace per NOI....
    ma porca miseria, CHIEDO TROPPO di avere qualcuno in questo maledetto governo che sia PULITO. QUALCUNO CHE FACCIA DI NUOVO POLITICA PER VOCAZIONE E NON PER NON ANDARE IN GATTABUIA?

    RispondiElimina
  6. sembrerebbe che siamo finalmente al crepuscolo, ma pare che giuridicamente e tecnicamente non sia così facile incastrarlo; ad eventuali nuovi giudici ed alle prove contro B. nei processi potrebbero esserci contrapposizioni alle quali sarebbe difficile tener testa. perdonami, ma i termini tecnici non li so riportare e questo è quanto mi sembra di aver capito in merito.
    bacio, caro vinz

    RispondiElimina
  7. Ieri sera nessuno speciale, nessuna trasmissione seria sull'argomento, niente di niente. L'unica trasmissione andata in onda è stata Porta a Porta. Mio malgrado non sono riuscito a non vederla per un po', finchè come al solito non è montata la rabbia e la sensazione di un grosso peso sullo stomaco unito alla voglia di urlare e mandare tutti a faXXXXXX.
    NON E' POSSIBILE GRIDARE AL COMPLOTTO! NON E' POSSIBILE SOSTENERE PUBBLICAMENTE CHI GRIDA AL COMPLOTTO!!!

    Prepariamoci:
    a- ad un bombardamento mediatico sul potere della giustizia militante.
    b- ad una riforma della giustizia che non promette niente di buono.

    RispondiElimina
  8. @Aldo
    Perchè i giudici che devono processarlo sono comunisti. Questo povero uomo, circondato da comunisti annidati in ogni remoto angolo delle istituzioni, è così costretto da questo destino infame a giudicarsi da sè. Si guarda allo specchio e si dice che lui è er meglio, come dite a Roma, gliel'ha detto la sua mamma, e la mamma non può mentire. E' un caso a mio parere umano patetico. Ciò che preoccupa è la corte di nullità che lo circonda perchè sa che dopo di lui, essi torneranno nelle tenebre della loro vita inutile, mentre adesso la droga dell'apparizione sulla TV di turno, fa loro credere di svolgere un ruolo a questo mondo.

    RispondiElimina
  9. Certamente, Matteo: la specificità della democrazia sta nella divisione dei poteri, non nel consenso. La incultura di questi politici e dei loro elettori ha raggiunto un tale livello che essi sostengono l'insostenibile. Con l'aggravente che affermarlo da parte di chi occupa una carica istituzionale, rende l'affermazione ancora più grave, come una parlamentare tra i tanti leghisti, anocra ieri sera si permetteva di sostenere a "Exit" su LA7 che prima di tutto viene il popolo e, visto che essi hanno avuto la maggioranza, vengono loro, che rappresnentano così la verità assoluta e non possono sottostare a quisquiglie quali le regole costituzionali.
    Tutto ciò mi preoccupa, e credo che andremo incontro a una stagione burrascosa.

    RispondiElimina
  10. @Angustifolia
    Purtroppo, da noi non si è sedimentata nessuna cultura democratica, e ne vediamo i risultati.

    RispondiElimina
  11. @Ornella
    Già, purtroppo le preoccupazioni sono inevitabili. Da una parte un potere rozzo e tendente al golpista, dall'altra un'opposizione incerta, divisa, litigiosa al suo interno: in definitiva un'opposizione inetta. Non c'è certo da stare allegri...

    RispondiElimina
  12. @Bruno
    Comunque, un minimo di speranza si è affacciata...

    RispondiElimina
  13. @Maria Rosaria
    Ho letto che nel processo Mills i termini di prescrizione si avvicinano pericolosamente...

    RispondiElimina
  14. @Gigi
    Soprattutto, vedrai che adesso proporranno un alegge sulla giustizia ancora più grave, e questa lascerà il segno: dobbiamo essere pronti a tutto.

    RispondiElimina
  15. sì, l'ho letto e sentito, ma non ho ben compreso il fatto delle prove, non so se si intendesse dire la stessa cosa o se è altro; è anche vero che l'ho sentito per radio e nella concitazione di saperne più possibile sulla notizia può essere che abbia capito male.

    RispondiElimina
  16. Ciao Vincenzo :)
    Io non vedo un patto tra Napolitano e B., (certo il Presidente della Repubblica ha promulgato decreti discutibili dell'attuale governo!), piuttosto vedo nelle parole del Presidente del Consiglio la solita manfrina usata in campagna elettorale.
    La sinistra/comunisti/di Pietro sono i miei nemici, governo in nome degli italiani ecc ecc
    Sai che ti dico? E' noiso questo capo del Governo!
    E la frase sulla Bindi???
    Vergognosa, le odia proprio le donne!
    gio

    RispondiElimina
  17. Le dichiarazioni del Messia lombardo sono gravissime e molto violente (pare che ieri sera, al colmo della pazzia, abbia insultato anche Rosy Bindi). Purtroppo una cospicua parte dei cittadini, priva di senso della democrazia e dunque insensibile al problema del rispetto della divisione dei tre poteri e della Costituzione, apprezza le sue esternazioni. Questo mi fa pensare a un futuro difficilissimo per l'Italia.
    Sì, bisogna vigilare.

    Saluti

    RispondiElimina
  18. @Maria Rosaria
    Con quel po po di collegio legale, a forza di mavalà, e di primus super pares, questi ergeranno muri infiniti, e le tue preoccupazioni sono assolutamente condivisibili: non ci resta che sperare.

    RispondiElimina
  19. @Gio
    Non è che io creda che sia davvero intervenuto un vero e proprio patto tra i due: senza altre evidenze, sarebbe ingiustificato. Nello stesso tempo, mi pare che quest'uomo sia ormai preda delle sue proprie manie e debolezze, e quindi, quando ieri sera ne parlava, era evidentemente in preda a un attacco di collera. Insomma, qualcosa di sincero nelle sue parole c'era, e il riferimento alla firma apposta da Napolitano mi pare una toppa messa all'ultimo minuto. Come potrebbe lamentarsi del fatto che Napolitano gli ha firmato il lodo di Alfano? Sarebbe un paradosso.
    Rimango quindi dubbioso, ma non escludo nulla, gli indizi significativi mi pare che non manchino. Un saluto!

    RispondiElimina
  20. @Romina
    Il signor B. mi pare come il toro nella corrida che, proprio quando è quasi ferito a morte, diventa più violento e pericoloso.
    Temo ancora di più la Lega, che non tentenna nel legarsi sempre più strettamente a lui. E' una scelta rischiosa questa di Bossi, e questi sbraitano sempre più forte perchè consapevoli che una caduta del signor B. li coinvolgerebbe pesantemente.

    RispondiElimina