giovedì 16 aprile 2009

I RIFLESSI CONDIZIONATI DEI BLOGGERS

Purtroppo, quello che tentavo di evitare, si è puntualmente verificato. Oggi, il problema all'ordine del giorno sulla maggior parte dei blogs che leggo non è più, come ieri, la gestione del terremoto, ma la censura a Vauro ed Annozero.
Possibile che abbiamo i riflessi condizionati, tanto da reagire esattamente come loro si aspettano che reagiamo? Un minimo di indipendenza intellettuale vogliamo tentare di mantenerla?
Io, fossi anche da solo, continuerò a chiedere a Bertolaso conto e ragione di perchè abbia del tutto ignorato il significato premonitore dello sciame sismico, non ritenendo di dovere adottare neanche misure di routine, quali la predisposizione dei punti di raccolta, del luogo da potere eventualmente utilizzare come tendopoli, da una puntuale informazione ai cittadini sui comportamenti da tenere in caso di scosse forti.
Dobbiamo insistere su questi punti, non contentarci finchè non otterremo risposte adeguate, fossero anche le dimissioni di Bertolaso.
Con lo spostare l'attenzione su quello che in definitiva è e rimane soltanto una trasmissione TV, confermiamo che dalla TV dipendiamo anche noi.
Il problema di un'equa gestione delle TV, soprattutto quelle pubbliche, rimane sicuramente un problema di primaria importanza, ma per favore non oscuriamo il problema principale, che rimane quello del terremoto, un evento che inevitabilmente assume una rilevanza politica enorme.

23 commenti:

  1. A me condiziona ben poco e me ne vanto!:)
    In ogni caso ritengo che molti non abbiano postato su Vauro ed Annozzero perchè condizionati.Ma solo al giusto scopo di fare immediatamente controinformazione,avendo già abbondantemente espresso il loro parere circa Bertolaso,la sua incompetenza e molto altro.

    RispondiElimina
  2. Caro Vincenzo,
    io ho scelto di difendere Vauro, che sicuramente non ha bisogno della mia difesa. Ho scelto contemporaneamente di attaccare Bertolaso. Vauro è stato sospeso e Bertolaso no. Questo è la sottolineatura che oggi ho inserito nel mio post.
    Ritengo che oscurare Vauro sia un atto non degno di un paese democratico e le donnette non potevano assolutamente tacere.
    Difendendo Vauro o semplicemente parlando di Vauro, non significa a mio avviso calare la saracinesca sulle morti annunciate dei cittadini aquilani.

    RispondiElimina
  3. Certo che anche noi possiamo rimanere intrappolati, ma questa censura di una vignetta, mi sembra essere un segnale pericoloso per la democrazia e il tutto è comunque collegato al sisma.

    Ciao Vincenzo!
    Lara

    RispondiElimina
  4. Caro Vincent, devi stare alle regole, non lo sai? Ogni giorno c'è un 'tema' e su quel tema ci si aggancia a catena. Il risultato è in effetti un pò monocorde, ma ti fa sentire un appartente di blogolandia, emisfero sinistro latitudine 68/77. Il pensiero creativo è ben tollerato ma deve contenere almeno una citazione del tema del giorno.
    Detto questo, già mi devo mobilitare per la scuola, per il testamento biologico, per l'antimafia, per la corruzione, per il contratto di lavoro, per il controllo del dopo-terremoto, quindi le petizioni per Vauro le lascio a chi ha più energie di me. Dopo tutto anche io sarò disoccupata grazie alla gelmini l'anno prossimo, ma non vedo tante petizioni in giro per i 150.000 lavoratori in meno nella scuola.Credo che il buon Vauro lavorerà lo stesso...

    RispondiElimina
  5. L'impatto mediatico di Vauro è stato ampliato per togliere l'attenzione da argomenti scottanti.
    Io ieri ho lanciato un semplice appello via mail, mi dispiace che sia usato come test per una futura censura e come caso mediatico cancella responsabilità.

    RispondiElimina
  6. Mi permetto di segnalarti questo blog. e noterai che non sei solo...Ma un argomento non esclude l'altro ad ogni modo.


    http://www.ecarmensandiego.com/2009/04/16/e-la-pace-in-gaza-non-ce-ancora/#comments

    RispondiElimina
  7. mi sembra, però, che il caso vauro sia stato trattato senza prescindere dal tema centrale di questi giorni, che non credo proprio si perderà di vista. tranquillo, vincenzo, non resterai da solo.
    un saluto

    RispondiElimina
  8. @Guernica, Minu e Lara

    Vorrei solo aggiungere che avevo deliberatamente scelto di dare un carattere provocatorio a questo post, perchè ritengo che l'avversario usi la tattica dell'attacco per difendersi. Lo scopo del post era quello di stigmatizzare il comportamento di Bertolaso, senza legarlo automaticamente alla sorte di un'altra giusta causa, quella della difesa di Vauro. Qui di seguito, riporto il mio commento a Pietro di ieri sera:

    Sono indignato come voi per quanto successo ad annozero e in particolare a Vauro.
    Vorrei però che non cadessimo nel tranello di parlare della trasmissione TV e non del terremoto.
    Ho inserito recentemente un post su questo argomento in cui certo stigmatizzo l'intervento di Fini e quelli simili, ma faccio un'accusa mi pare abbastanza precisa a Bertolaso. Dobbiamo ribadirla, dobbiamo pretendere che di tutto questo si discuta con argomenti e non con gli editti del Presidente della Camera e del Direttore Generale della RAI che gli va pedissequamente a rimorchio.
    Non mettiamoci nella condizione di votare ancora una volta, fosse pure solo su annozero: dobbiamo pretendere argomenti e non di contarci.

    Per il resto, sapete che ho tanta ammirazione per la vostra passione civile, che, tra l'altro, condivido pienamente.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. @Aleph
    Sempre un pizzico di causticità nei tuoi interventi: un modo di puntualizzare diverso rispetto al mio, ognuno secondo il proprio modo di essere.

    RispondiElimina
  11. @Gio
    Hai fatto benissimo, come ho fatto benissimo io (che presuntuoso :-D) a puntualizzare.

    RispondiElimina
  12. @Nicole
    Grazie per la segnalazione e per le parole di stima. Ho avuto una polemica, terminata bruscamente sul blog de "lo storico" (socialeanimale.blogspot.com): se ti interessa, lì sono molto preciso nel definire le responsabilità.
    A presto!

    RispondiElimina
  13. @Maria Rosaria
    Grazie per la solidarietà!

    RispondiElimina
  14. penso che alcune logiche "giornalistiche" prendano la mano a tutti, a volte semplicemente per essere "sul pezzo" e non per essere vittime di cortine fumogene ad hoc
    Sussurri obliqui

    RispondiElimina
  15. Hai ragione, in fondo è solo una questione di modo ( a volte anche di contenuto non sempre in accordo, ma per fortuna no? )Notte

    RispondiElimina
  16. Avevo compreso l'intento.Ora essendo più precisa aggiungo che dipende anche da come ciascun blogger ha affrontato l'argomento.
    Quello per me fa nettamente la differenza.Difendevo appunto i blogger che fanno la differenza.
    Mi permetto anche io di segnalartene uno che stimo molto http://agoradelrockpoeta.blogspot.com/
    Non so se lo segui già.

    Bertolaso fai bene a stigmatizzarlo!
    Purtroppo "il nemico" oltre a difendersi attaccando tende a mischiare gli argomenti e a confonderli.
    Notte!:)

    RispondiElimina
  17. @progvolution
    Io però preferirei la prima: meglio un pizzico di ingenuità che ambizioni giornalistiche :-D

    RispondiElimina
  18. ...non ci crederai ma non ho seguito la vicenda...sono perdonata?
    Comunque passata per lasciarti un saluto...
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  19. Ti segnalo questo articolo:
    http://danielesensi.blogspot.com/2009/04/radio-france-politica-mafia-e-lomerta.html

    RispondiElimina
  20. Ti assicuro che la mia attenzione sul dopo terremoto non cala, anche se personalmente preferisco parlarne poco nel mio blog...
    saluti

    RispondiElimina
  21. @azzurra
    Perdonata, solo se non ti distrai più, s'intende :-D
    Grazie, ciao :)

    RispondiElimina
  22. @Angelo
    Viligileremo ancora, vedi che ho postato ancora sull'argomento? :)

    RispondiElimina